Posts Tagged ‘wireless’

Super Nodo Longinus pronto e operativo

Saturday, October 13th, 2012

13 Ottobre 2012.

Prende vita il nodo Longinus, supernodo nel quartiere di Tor Tre Teste, in zona Prenestina.

Al primo sopralluogo Fish ed io abbiamo subito constatato l’incredibile panorama godibile dal tetto, uno spettacolo per la vista. Montare un nodo foglia sarebbe stato uno spreco, quindi si è deciso per un SuperNode.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il giorno prestabilito ci siamo visti alle 9.30. In poco meno di un ora e mezza il palo era già su con tutti gli apparati montati.

 

 

Antenne scelte:

  1. M5 Nanostation per il punto-punto ( verso il nodo “La Rampa” );
  2. M5 Rocket + Sector, con copertura complessiva di 120 gradi ( puntata verso Frascati e zone limitrofe );

Abbiamo quindi iniziato a studiare un modo intelligente per cablare fino all’appartamento, due piani più sotto. Ad aiutarci in questa piccola impresa stavolta c’erano i corrugati molto capienti  predisposti  del palazzo, che permettevano di raggiungere tutti gli appartamenti, nonchè l’aiuto provvidenziale di Leonardo e Edoardo, tornati da un intervento di manutenzione alla Snia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il team è pronto ai lavori di fatica

 

Passare corrente e cavo ethernet non è mai facile, ma i corrugati di predisposizione hanno fatto il loro sporco lavoro.

 

 

 

 

Per fare entrare il cavo pilota nell’appartamento abbiamo effettuato un foro nel pannello esterno, usando un nostro avvitatore modificato per l’occasione. I più maliziosi lo hanno soprannominato subito Rocco.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramite cavo pilota abbiamo quindi fatto entrare corrente e cavo ethernet all’ interno dell’ appartamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbiamo poi cablato i fili all’esterno, facendoli passare all’interno di un corrugato prottettivo predisposto da Fish.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbiamo messo altro corrugato a proteggere i fili e lo abbiamo bloccato sopra al solaio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fish ha cablato i cavi ethernet delle antenne nella scatola stagna equipaggiandola con i POE, lo switch , il tutto per dare alimentazione alle antenne.

Da notare la nuova tipologia di cavo  ethernet da esterni brevettata da Fish che consente la totale esclusione del rivestimento in corrugato verso le antenne facendo risparmiare tempo per la realizzazone del Nodo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cheese!!

 

 

Chiusa la scatola abbiamo ammirato il nostro duro lavoro.

 

 

 

Non è finita qui però!!!

 

Ho fatto una prolunga per l’alimentazione dell’access point dentro casa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fish da bravo elettricista l’ha poi attaccata all’ impianto prese della corrente di casa, alimentando l’access point dentro l’appartamento necessario per la connessione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leonardo e Fish con l’access point in stealth mode

 

 

La giornata si è conclusa con i consueti settaggi delle antenne e la predisposizione dell’access point, non prima di un lauto pranzo  a base di nduja, presa direttamente in Calabria.

Evito foto del ricco primo piatto che abbiamo mangiato, pennette ricotta e nduja, per non ferire i vostri sentimenti :).

 

Alla prossima!

Antonio.

Wi-Fi aperto nelle zone colpite dal terremoto

Thursday, May 31st, 2012

terremoto emilia

In questi giorni si stanno moltiplicando gli appelli per tenere aperte le connessioni Wi-Fi ad Internet nelle zone colpite dal terremoto.

Essendo Ninux.org una community di esperti in tecnologie che riguardano le reti wireless ci sentiamo in dovere di aiutare le popolazioni colpite dal terremoto.

Cominciamo con il condividere alcune informazioni molto importanti.

Condividere la connessione è legale

Il terribile decreto Pisanu, che obbligava coloro che volessero condividere la propria connessione ad internet a richiedere una licenza, non è più in vigore dal Dicembre del 2010.

Condividere la propria connessione ad internet attraverso una rete wifi non è illegale. In alcuni casi gli operatori che forniscono accesso ad internet fanno firmare dei contratti in cui è vietato espressamente la condivisione dell’accesso ad internet attraverso reti locali, in quel caso il massimo che può succedere è che l’operatore recida il contratto, ma questo va contro l’interesse dell’operatore stesso dato che il cliente può facilmente rivolgersi ad un operatore più permissivo.

Sono anni che noi di Ninux consigliamo di lasciare dei punti di accesso liberi ed aperti e in queste situazioni di emergenza questo consiglio diventa un dovere.

Condividere la connessione è facile

Quasi tutti abbiamo un router wifi a casa. Disabilitare la password di accesso è facile: basta accedere al pannello di controllo web del router, cercare la sezione “wifi” o “wireless”, quindi cercare la sezione “sicurezza” disabilitare la password quindi salvare le modifiche. La procedura potrebbe differire leggermente da router a router, se incontrate problemi non esitate a contattarci via email a contatti@ninux.org.

Estendere il raggio della propria connessione

Montando apparati omnidirezionali come le Ubiquiti PicoStation al di fuori della propria finestra o del proprio balcone è possibile estendere enormemente la copertura della propria rete wifi.

Se non potete comprare le PicoStation potete sempre montare il vostro router attuale nei pressi della vostra finestra o fuori al balcone, l’unico problema è che solitamente i router casalinghi non sono stati progettati per essere posti all’esterno e quindi potrebbero essere sensibili alle condizioni atmosferiche.

Se avete la possibilità di mettere un’antenna omnidirezionale sul vostro tetto è ancora meglio.

Costruire una rete wireless è possibile

Questo è il nostro argomento preferito: costruire reti wireless su territori vasti, dove ci siano molti punti d’accesso. Collegando queste reti wireless a più punti di uscita verso internet è possibile dare connettività ad aree molto vaste, non c’è un limite teorico, gli unici limiti sono la disponibilità di volontari e di fondi per comprare i materiali.  Le reti wireless sono molto adatte per le situazioni di emergenza perchè rispetto alle reti di telecomunicazione tradizionali richiedono molto meno tempo per essere costruite ed hanno un costo molto più basso.

Il costo di un nodo della rete Ninux solitamente si aggira tra i 150€ ed i 300€ ma credo che in casi di emergenza come questo si possano montare nodi temporanei con un budget tra i 100€  ed i 200€.

I volontari di Ninux possono dare una mano

Se volete più informazioni, supporto su uno o tutti i punti elencati precedentemente non esitate a contattarci a contatti@ninux.org, saremo ben lieti di darvi una mano.

il Wireless Battle Mesh V5 ad Atene

Friday, May 4th, 2012

Ho ripreso a scrivere sul blog, evviva ! Anche se non ho scritto niente ho fatto un sacco di cose negli ultimi tempi. Una di queste e’ stato andare ad Atene, che è la città più punk e anarchica dell’Europa.
Sono andato in occasione del BattleMesh V5. Se ci stava Fish moriva d’infarto. Sembra che tutta la città sia in una perenne occupazione punk anarchica.

Visto che sono diventato vecchio ed ho un lavoro vero, e non e’ piu’ cosi facile andare a fare il nerd in giro per l’europa, ho presentato a tutti Nemesis come il nuovo leader di Ninux ! ahahah :D

Ho parlato con molti OpenWRT hackers, dicendo che usiamo AirOS a Ninux perché in OpenWRT non funziona un cazzo, ovvero abbiamo problemi di stabilita’ dei drivers. A giugno è prevista una nuova major release di OpenWRT… vedremo ! :)

Una cosa molto bella di Atene e’ stato incontrare di nuovo il mio amico tedesco Mario Behling. Parlando con lui ho capito che Freifunk non è morta, solo che nessuno ha veramente in mano la situazione di Freifunk.

A Berlino la community è alla deriva ma nelle piccole città tedesche è pieno di nerds che fanno delle microcomunità Freifunk usando il codice ed i firmwares che sono ancora su Internet. Il problema è la comunicazione perché questi gruppi sono tutti lasciati a
loro stessi. Mario sta lavorando in questo senso cercando di riprendere le redini del sito Freifunk e della comunicazione. Un buon feedback lo hanno avuto al CEBIT perché in modo inaspettato alcuni di questi ragazzini di 16-18 anni si sono presentati al bancone di Freifunk dicendo che stavano facendo una rete nel loro paesino ed a Berlino nessuno ne sapeva niente.

Dai ragazzi della Slovenia e dell’Austria ho sentito storie simili alle nostre. Per un approfondimento vi consiglio di leggere le slides sul sito di Battlemesh.

Dei ragazzi greci quello con cui ho passato piu’ tempo e’ stato Vasilis Tsiligiannis, che mi ha spiegato tutta la loro architettura BGP di AWMN, e mi ha anche aiutato a debuggare un paio di problemi dell’olsrd quagga plugin. Ci siamo messi li ed abbiamo dato una bella sistemata al router BGP di Ninux al tecnopolo. Un incontro veramente produttivo quello con Vasilis ! Quando verra’ a Roma a trovarmi mi dovro’ sdebitare ! ;)

Un ultimo particolare della Grecia che voglio ricordare sul mio blog e’ che i greci a tavola invece di usare il vino usano la grappa. Stupendo, per fortuna dopo due giorni ho capito che la allungavano con l’acqua :)

Saverio

Il Fusolab cambia casa

Monday, April 16th, 2012

Sembra ieri che il Fusolab ci ha accolto e ci ha dato molto più di un tetto sulla testa!

In questi anni ci siamo fusi a vicenda, siamo cresciuti insieme, ed adesso è giunta l’ora di trasferirci in una casa più grande!

Quindi per qualche settimana il mitico giovedì Nerd a Via Giorgio Pitacco 29 è sospeso.

Stay tuned!

Verso nuovi orizzonti, sempre più in alto: Palestrina

Saturday, July 23rd, 2011

E’ sabato e l’hardware team di ninux si riunisce alle 8:30 in farm per lavorare all’espansione della rete. Questa settimana la squadra è composta da: Fish, Sephiroth, Nemesis, Arkanet e per la prima volta di mattina anche Davide.

Nonostante le condizioni metereologiche avverse, l’impavida squadra si incammina verso Palestrina, “s”nodo che diverrà molto importante per la sua posizione strategica con un’altitudine di ben 600+ metri.

Visuale Palestrina

(more…)