Posts Tagged ‘guifi’

Ninux in CONFINE

Tuesday, April 29th, 2014

CONFINE logo

English version below.

Chi fa ricerca nel mondo delle reti si ritrova quasi sempre a fare esperimenti simulati al calcolatore o in laboratorio, visto che le reti reali, con utenti veri, di solito non sono accessibili.

Per questo motivo è nato il progetto CONFINE, che ha l’obiettivo di costruire un’infrastruttura all’interno di varie community network europee, da sempre propense alla sperimentazione, per metterla a disposizione dei ricercatori.

A Guifi, AWMN e Funkfeuer si è ora aggiunta la community Ninux!

L’idea fondamentale di CONFINE è quella di distribuire all’interno delle community network dei piccoli computer, detti research device, da collegare ai nodi. Sui research device gira un sistema operativo basato su OpenWrt in grado di preparare e mettere a disposizione macchine virtuali, su richiesta di un controller centrale. I ricercatori hanno a disposizione un’interfaccia web per richiedere macchine virtuali poi accessibili tramite SSH dentro una VPN.

Aiutati da CNIT dell’università di Roma Tor Vergata e da Unidata, che da sempre supportano la nostra community, verranno distribuiti ed installati research device dentro la rete Ninux. L’hardware principale che useremo sono Intel NUC, dotati di processori i3, 4GB di RAM e 60 GB di hard disk allo stato solido. I consumi variano tra gli 8 Watt in idle e i 20 Watt a pieno regime, la temperatura misurata sul case non supera mai i 40 gradi e sono dotati di una ventola quasi impercettibile.

Intel NUC Research Device

Poi, in una seconda fase, il sistema operativo dei research device verrà modificato per permettere ai ricercatori di effettuare esperimenti basati su OpenFlow. L’abstract completo del progetto, con altri dettagli, si trova sul wiki.

In più, le macchine virtuali potranno essere utilizzate dai membri di Ninux per servizi distribuiti e replicati all’interno della community network, dando vita, di fatto, ad un embrione di cloud comunitaria.

English Version

Network researchers usually find themselves experimenting through simulations or artificial infrastructures built in laboratories, because usually real world networks, with real users, are not accessible to them.

For this reason the CONFINE project was born, aiming at building an infrastructure inside European community networks, which have been prone to experimentation since always, to make it available to researchers.

After Guifi, AWMN and Funkfeuer, also Ninux has joined CONFINE!

The main idea of the project is to spread small computers, called research devices, inside community networks, to be connected to nodes. Research devices run an operating system based on OpenWrt, which can provide virtual machines when requested by a central controller. Researchers can allocate virtual machines through a Web interface which can be later accessed through SSH over a VPN.

Helped by CNIT of the University of Rome Tor Vergata and by Unidata, which since always support our community, research devices will be deployed inside the Ninux network. The hardware that we will mainly use are Intel NUCs, with i3 CPUs, 4GB RAM, 60GB SSD drive. Measured power goes from 8 Watt when idle to 20 Watt at full capacity, the temperature on the case is always below 40 degrees celsius and the fan onboard is almost unhearable.

Then, at a second stage, the operating system on research devices will be modified to allow researchers to perform OpenFlow based experiments. The complete abstract of the project, with further details, can be found on the wiki.

Also, the virtual machines may be used by Ninux members for distributed and replicated services inside the community network, sowing the seeds of a community cloud.

10/11/2011 – Digital divide: progetti italiani in tecnologie wireless che rispondono alle esigenze di privati e microimprese

Sunday, November 6th, 2011
CDTI Digital Divide

Evento sul Digital Divide

La comumità wireless italiana NINUX e la comunità wireless catalana Guifi partecipano all’evento sul Digital Divide che si terrà a Roma il 10 Novembre 2011 dalle 9,30 alle 13

Luogo: Casa San Bernardo, Via Laurentina 289 Roma (Zona Tre Fontane)

Programma:

9.30-10:00     Registrazione e caffè di benvenuto

10.00  Inizio lavori a cura di Giorgio Dori, Presidente CDTI Roma

10.10  Un nuovo modello di business per la banda larga nelle aree di Digital Divide

           Stefano Ciccotti, Amministratore Delegato Raiway

10.40  Reti comunitarie: una soluzione al digital divide dove non c’è profitto per gli operatori

Saverio Proto, Rappresentante NINUX

11.15  “BuB”: Bottom-up Broadband

           Collegamento in remoto con Roger Baig Viñas Rappresentante comunità wireless catalana Guifi

11.30   Telemedicina e digital divide: un’accoppiata possibile?

            Ugo Galluccio Managing Director New Oriented Solutions Italy S.r.l.

12.00   Ponza; Una infrastruttura Last Mile distribuita

            Remo Tabalelli Responsabile Tecnico LV7 – T-Services

12.30   Accessi WiFi in luogo pubblico – Autenticazione Federata

       Dino Bortolotto Presidente Assoprovider

13.00    Buffet

 Al termine visita della storica Abbazia delle Tre Fontane www.abbaziatrefontane.it

Per maggiori dettagli: http://cdtiroma.ning.com/events/digital-divide-progetti-italiani-in-tecnologie-wireless-che-rispo

Per iscriversi spedire un’email a segreteria@cdti.org indicando l’intenzione a partecipare.

 

Wireless Battle Mesh v4 (16-20 Marzo 2011, Sant Bartomeu del Grau, Spagna Catalogna)

Tuesday, January 18th, 2011

Wireless Battle Mesh v4

(16-20 March 2011, Sant Bartomeu del Grau, Spagna Catalogna)

========================================

La prossima ‘Wireless Battle of the Mesh’ avrà luogo da mercoledì 16 a domenica 20 Marzo a Sant Bartomeu del Grau (80km da Barcellona), Spagna (Catalogna). L’evento ha lo scopo di riunire persone da tutt’Europa per mettere alla prova le prestazioni di differenti protocolli di routing per reti ad-hoc, come Babel, B.A.T.M.A.N., BMX, e OLSR.

Se sei un appassionato dell’argomento, se sei un attivista delle reti comunitarie o ti interessano le reti mesh, devi assolutamente venire!

Maggiori informazioni sull’evento possono essere trovate sul sito: http://battlemesh.org/BattleMeshV4

Luogo

L’evento si terrà al Can Roca turistic resort a Sant Bartomeu del Grau, in Catalogna, nell’area dei pre-Pyrenees Lluçanès, a circa 80 km da Barcellona.

Registrazione

Sara’ possibile registrarsi in diversi hackerspace (Fusolab, HSBXL, /tmp/lab, metalab, CCC, …) e sul sito ufficiale dell’evento: http://battlemesh.org/BattleMeshV4

Quota

Ogni partecipante dovrebbe donare 50 Euro (per coprire i costi del campeggio e dell’infrastruttura). Per finanziare l’evento, ti chiediamo di pagare al momento della registrazione (bonifico o contanti).

Contatti

* Web: http://battlemesh.org/BattleMeshV4

* Email: wbmv4_aatt_exo_dot_cat

* IRC: irc.freenode.net #battlemesh

Ninux partecipa all’Internet Governance Forum 2010

Friday, December 3rd, 2010

Martedì 30 novembre siamo stati invitati ufficialmente dalla Provincia di Roma a partecipare ad un iniziativa nell’ambito dell’Internet Governance Forum 2010:
Wi-fi esperienze pubbliche a confronto. Organizzato dalla Provincia di
Roma, Roma, Palazzo Valentini, Via IV Novembre

Il programma dell’evento era molto vasto, ma si è parlato anche di Wireless.

La giornata è iniziata, secondo programma, con il presidente della Provincia di Roma, Zingaretti, che ha firmato un protocollo d’intesa con regione Sardegna e comune di Venezia, per federare i loro database di utenti.

Quando i “big” sono usciti di scena, Francesco Loriga ha spiegato come è stata realizzata tecnicamente Provincia WiFi. Dobbiamo fare i complimenti alla provincia di Roma che ha fatto veramente un ottimo lavoro. Ha utilizzato software libero, lo ha migliorato, ed ha dato indietro alla comunità un prodotto migliore. Tutto il lavoro software svolto, completo di documentazione, è disponibile online con particolare attenzione alle licenze.

Per chiudere la giornata è stata organizzata una tavola rotonda, alla quale ho partecipato come rappresentante di Ninux.org. Ma vediamo chi c’era a questa tavola rotonda:

  • Fulvio Ananasso: Direttore Studi Ricerche e Formazione dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom)
  • Renato Brunetti: Consigliere delegato per il Wireless della Associazione Italiana Internet Provider (AIIP)
  • Francesco Loriga: Dirigente dei Sistemi Informativi, Reti e Innovazione Tecnologica (Sirit) della Provincia di Roma
  • Massimiliano Mazzarella, azienda Futur3
  • Stefano Quintarelli, informatico e imprenditore
  • Saverio Proto: Ninux.org

Cosa è venuto fuori? A parte l’ormai famosissimo Decreto Pisanu, tutti i protagonisti del wireless in Italia sono scontenti della regolamentazione. Providers, pubbliche amministrazioni, community, nessuno riesce a lavorare bene con la normativa esistente.

Noi come wireless community abbiamo cercato di portare la nostra visione di rete libera.  Cerchiamo un dialogo con gli ISP. Non vogliamo andare a invadere il mercato della ADSL proponendo una Internet gratis. Vogliamo essere in grado di comprare banda all’ingrosso in modo da poter usare quella banda all’interno delle nostre reti comunitarie.

Abbiamo portato alla tavola rotonda le esperienza delle community all’estero, come Guifi.net e Freifunk.net, dove la normativa non è così rigida ed ha permesso loro una forte espansione. Noi che abbiamo a che fare con leggi molto fumose e poco permissive, che ci costringono ad operare con il dubbio che quello che facciamo non sia legale, siamo rimasti indietro come al solito rispetto al resto dell’Europa.

Una nota dolente che ci ha colpito per tutta la durata dell’evento è stata la normalità e “scontatezza” utilizzata parlando di autenticazione ed identificazione degli utenti.

Addirittura è stato fatto un paragone tra l’hotspot WiFi di oggi e la cabina del telefono di una volta. Ebbene forse nessuno ha notato che negli anni 90 si poteva entrare in una cabina del telefono e pagare una telefonata con una moneta, senza per forza “autenticarsi”. Oggi sembra normale che ogni volta che usiamo il mezzo elettronico per comunicare, dobbiamo fornire tutti i nostri dati.

Telecom Italia, presente tra il pubblico, ha fatto una figura secondo noi un po’ meschina attaccando noi delle community e le pubbliche amministrazioni dicendo che andiamo a rubare nel loro mercato. Ci siamo veramente stupiti di questo intervento infervorato, anche perché noi abbiamo proposto una visione delle cose dove le community e gli ISP lavorano insieme migliorando il servizio al cliente finale, ed aumentando i profitti dell’ISP che vendendo banda all’ingrosso semplifica il suo business.

Alla fine siamo molto contenti di come è andata questa giornata. Il fatto che Ninux.org viene invitata ad una tavola rotonda di questo tipo, dimostra come le istituzioni sono attente e fanno bene il loro lavoro, cercando un contatto diretto con i cittadini che si occupano di WiFi nel sociale. Siamo riusciti a portare in un ambiente ufficiale le nostre visioni su un uso possibile del WiFi in Italia, e speriamo che questo incontro sia il primo passo verso una normativa che permetta a realtà come Ninux, ed a moltissime altre realtà nascoste in Italia, di uscire da questa situazione di illegalità. Un illegalità assurda che oggi ci frena, e ci fa stare sempre un passo indietro rispetto a gli altri paesi europei.

ZioPRoTo & Clauz

UPDATE: i video della conferenza si trovano su questa pagina. In particolare il nostro intervento si trova nel terzo video.


Ninux Day 2009 Report

Wednesday, December 9th, 2009

I’m so sorry I was totally busy and I hadn’t time yet to blog about the Ninux Day !!! So it is now time to write something !

It was our first Ninux Day, and it was great !

Every started Thursday night. Many of our international guests were already here in Rome, so we had a Warm up Party at Fusolab.

The following morning I went to Defrag_ to open up the place around 10.00, because the first people were expected by 12.00. Thanks to Andrea we had some beautiful posters at the entrance, as you can see in the picture.

DSC_0015

Friday was quite a busy day. We had  many interesting talks, and people started to know each other. Only on the first day we had more than 50 people attending, and many were coming from abroad. On Sunday we had registered 123 people !

The first talk started a bit late, Ulf was the first one to have his slides ready, so I sent him on stage :) He started an interesting talk on how to manage cameras with embedded devices running OpenWRT and gphoto. The goal was to use the embedded devices to make panoramic pictures. Friday talks were on many different topics. After Ulf we had Alexander List talking about the Open Spectrum. After a while the “use the wiki” signs we had put everywhere at Defrag_ started to work… the hackers were self managing the event their self, timetable was optimized, talks were shaped to the avaiable timeslots… it is always cool to see how the hacker society can self manage an event :)

OpenWRT_gphoto_talk

To help the people know each other we organized a permanent PGP Signing Party. Most of us exchange emails during the year, very often attaching patches and snippets of code. It is a good thing to make sure about the identity of the person who is writing to you. So the key signing had begin ! After a while people were interacting together, coding, discussing about protocol, showing their work to others.

DSC_0011

The long Ninux Day continued for the all weekend until Sunday in the late afternoon. For the first time I have seen people from wireless communities from all Europe actually working together and exchanging ideas. I was very very happy about the result, even if organizing everything I missed many details on the presentation and works that were going on ! But it was ok! I just can’t do too many things at the same time :)

The very good thing about this event is that now people are still discussing and working on the ideas and projects developed in the weekend in Rome. On the Ninux Day mailing list and on the nodedb-interop list you will find community members from all europe actively working.

Well, it is too had to describe the Ninux Day in such a short blog post, so if this year you have missed it, I suggest it is much better to come next year and see with your eyes !

Happy hacking !

Saverio

DSC_0074