Archive for December, 2010

Ninux su Nòva24 de “Il Sole 24 Ore”

Thursday, December 16th, 2010

E’ uscito un articolo che parla di ninux su Nòva24. Wi-fi di Condominio di Alessandro Longo. Buona lettura!

Report parla di Ninux: puntata del 12 dicembre 2010

Monday, December 13th, 2010

Bastano pochi secondi, un passaggio televisivo di un paio di minuti (forse meno) e il numero di accessi al sito ninux.org si impenna: il Quinto potere ha colpito ancora.

E’ questo l’epilogo di una storia cominciata nel 2002, quando Nino, Roberto e Daniele hanno dato vita a quello che oggi è Ninux, il gruppo romano promotore delle reti comunitarie. Un viaggio che continua, che si diffonde a macchia d’olio (Pisa è la new entry) per arrivare stasera sul piccolo schermo: sono le 23 circa e Saverio Proto risponde alle domande di Michele Buono sul lavoro portato avanti da lui e dalla sua community. Il servizio di Report cerca di spiegare come il PIL  non sia un reale indicatore della ricchezza di uno stato. Perché altri fattori, come l’impatto sociale o ambientale delle azioni produttive, non rientrano nella computazione. Allora la domanda sorge spontanea: che centra Ninux?

Competenze messe al servizio del bene pubblico in un ottica no-profit: ecco.

Il servizio di Report è stato però troppo breve.

Chi sono i ragazzi (e le ragazze) di Ninux?

Di cosa si occupano?

Cosa succede quando si incontrano?

Basta andare domenica 19 dicembre in via Giorgio Pitacco 29.

Ninux vi aspetta!

Nodo SansPapiers online

Friday, December 10th, 2010

Le nostre aspettative di crescita di almeno un nodo al mese per dicembre 2010 sono state ampiamente raggiunte.

Questo mese abbiamo già montato 5 nuovi nodi nella zona di San Giovanni. Il primo link tra Nino ed Edoardo poi Mara e Raffaele ed infine il link con il Sans Papiers.

Quest’ultimo è uno spazio sociale dove la rete Ninux ha avuto anche l’effetto di portare la connessione ad Internet, li dove prima invece c’era Digital Divide. Un problema bello grosso quello di stare offline, quando si ospita nella propria struttura una radio web come RadioSonar. Proprio Radio Sonar ci ha contattato per risolvere questo enorme problema di connettività.


Abbiamo posizionato la nostra NanoStation 5 con OpenWRT Backfire 10.3.1 RC4 sul tetto del palazzo. Non è stato difficile collegarci al resto della nostra rete, ed in poche ore avevamo già finito il nostro lavoro sul tetto. Siamo stati fortunati perché abbiamo trovato una presa di corrente direttamente sul tetto del palazzo, ed è stato veloce fare le prove.

Siamo poi passati nei sotterranei per finire il lavoro, e montare un AP per la distribuzione della connessione ad Internet agli utenti finali della struttura. Vediamo nella foto un paio di simpatici ragazzi di Ninux alla presa con le crimpatrice per gli RJ-45, non è facile usarla quando sei daltonico ! 🙂

Speriamo di comunicare presto tramite il nostro blog l’installazione di altri nuovi nodi ! 🙂

Perchè bisogna autenticarsi prima di entrare in rete?

Sunday, December 5th, 2010

Rivedendo i video degli interventi alla tavola rotonda di “Free Italia Wifi”, non ho potuto fare a meno di constatare con quanta disinvoltura si faccia passare il messaggio che una sorta di autenticazione sia scontatamente necessaria per chi si affacci in rete. Sul modo però ci si può venire incontro, dato che sembriamo tutti d’accordo (Pisanu compreso) che il decreto Pisanu abbia fatto più danni che altro.

Allora mi chiedo, perchè  è così necessario che qualcuno sappia chi sono quando mi collego a Internet?

Per questo volevo condividere tre riflessioni:

Riflessione 1: Comunicazione tradizionale vs Comunicazione via Internet
La comunicazione orale è senz’altro molto più vecchia della comunicazione digitale, si presuppone quindi che le regole a cui è sottoposta, essendo il frutto di millenni di storia, siano oggi abbastanza acquisite e condivisibili.
E allora per quale motivo posso uscire di casa e chiedere l’ora a un passante senza fargli vedere la carta d’identità (vi immaginate la scena?), mentre se lo faccio in modo digitale utilizzando il protocollo NTP devo per forza accettare che una terza parte sappia chi sono e cosa faccio?
Stessa cosa per le e-mail, per le chat, il VoIP e per gli altri miliardi di servizi che Internet offre. Finché la comunicazione è orale o scritta è una assurdità solo il pensare di esibire ogni volta un documento (pensiamo anche alle poste dove possiamo spedire lettere senza specificare il mittente). Quando la comunicazione passa attraverso Internet invece cambia tutto e l’autenticazione diventa la più scontata delle cose.
Continuando il confronto, non è che non ci sia mai richiesto di presentare un documento. Ci sono molti casi in cui è necessario autenticarsi anche nella “vita reale”, e in quei casi, guarda caso, appare giusta l’autenticazione anche quando si passa su mezzo elettronico.
Quando andiamo in banca dobbiamo mostrare la carta d’identità così come quando andiamo sul sito web della banca è necessario -giustamente- autenticarci.  Idem se vogliamo ritirare un pacco alla posta, e infatti Gmail giustamente ci chiede la password prima di farci vedere la nostra posta elettronica.
Questo tipo di autenticazione però è un’altra cosa. E’ una autenticazione “end-to-end” tra il fornitore e il fruitore di un servizio (banca/posta). E gli operatori che ci danno la connettività ad Internet che c’entrano? Nulla, appunto…


Riflessione 2: E il terrorismo? L’autenticazione serve a prendere i cattivi!
Il trucco di scandalizzare l’opinione pubblica con i “cattivi” (pedofili, terroristi etc etc) per far passare come accettabili dei “piccoli sacrifici”  come l’autenticazione per l’accesso alla Rete, è ormai vecchio come il cucco sia per quanto riguarda l’ambito digitale che non. Qualcuno, forse un precursore, nel 1936 scriveva che “Chi non ha nulla da nascondere non ha nulla da temere“.
Supponiamo di fare volentieri questo sforzo e che tutti gli utenti di Internet in Italia sono d’accordo per far registrare agli operatori chi sono e che fanno, in modo che le autorità all’occorrenza possono controllare i file di log. Questo basterebbe per prendere i cattivi?
Decisamente no!! infatti per gli utenti più “smart” ci sono migliaia di modi per eludere i controlli. Se fossimo veramente dei “cattivi” cosa potrebbero fare le autorità italiane per beccarci se cifrassimo il nostro traffico e lo spedissimo in qualche stato estero attraverso una VPN?
O dovrebbero risolvere alcuni problemi matematici piuttosto complicati per decodificare il traffico cifrato (!), o dovrebbero imporre  a tutti i paesi del mondo (!!) di fare data retention a modo nostro. Ma non serve nemmeno di scomodare le VPN, per essere totalmente anonimi ci basterebbe collegarsi alla prima rete wireless aperta o “apribile” che troviamo. Se invece siamo un po’ più paronici possiamo sempre usare  l’Onion Routing. Insomma ce n’è per tutti i gusti!

L’alibi della guerra contro i cattivi appare quindi particolarmente debole specialmente se portata in ambito digitale.
A tutto questo aggiungiamo il fatto che nella nazione che ha subito l’11 settembre, gli Stati Uniti, negli hotel spesso non è necessaria nessuna autenticazione (se non per motivi di accounting o di billing).

Riflessione 3: Cosa vuol dire “autenticare chi si connette ad Internet” ?
Il fatto che in molti che ne parlano non sappiano che cosa sia nè come funzioni Internet genera dei simpatici paradossi.
Se abbiamo una rete locale a casa nostra staccata dal “mondo“, fortunatamente non siamo costretti a chiedere le carte d’identità di madri/padri/amici o sorelle che con il loro computer si connettono ad un nostro server per vedere le foto della vacanza. A questo punto però, dato che siamo amici del vicino, inseriamo un router nella nostra rete e congiungiamo le nostre LAN in modo da poter vedere anche le foto della vacanza del vicino. Dato che se scriviamo “vu vu vu guugol punto it” non ci risponde nessuno (c’è solo la nostra rete locale collegata con quella del vicino!), probabilmente secondo molti legislatori non siamo “connessi ad Internet”.
Tuttavia se anche il vicino fa la stessa cosa con un altro vicino, e così via ecco che abbiamo ri-creato Internet, e dimostrato per induzione che l’autenticazione non serve!

Conclusione:
L’autenticazione per l’accesso all’informazione genera più impicci che altro, e quindi come diceva Cavour probabilmente “la legge migliore è nessuna”. Le forze dell’ordine per trovare i colpevoli hanno altri modi che non obbligare tutti i cittadini a fornire i loro dati agli operatori. Appare quindi decisamente “contro natura” ogni qual forma di controllo sugli accessi al “mezzo Internet”. Se poi a farlo è l’Italia, spesso quello che esce è un grottesco siparietto come sintetizzato brillantemente da Adriano Casissa nel suo blog con questi passaggi:

  1. scoperta di una nuova risorsa  ( in questo caso il wi-fi )
  2. totale disinteresse da parte delle autorità ( uiaifai ? e che è ? aaaah pe annà in internette ! )
  3. divulgazione libera ed incontrollata ( lasciamoli fare … so ragazzi… )
  4. attenzione da parte dei legislatori allertati da tecnici ( Onorevole mi consenta, Le dovrei spiegare una cosa molto importante )
  5. repressione del fenomeno con divieti di ogni tipo ( occorre quindi fornire c.i. c.f. numero di scarpe ed intenzioni di navigazione)
  6. accettazione di tale limitazione da parte dei cittadini ( Panem et circenses )
  7. diffusa violazione silenziosa delle normative ( giga e giga di film porno nell armadio )
  8. repressione a campione degli insorti ( super multa all’evasor !)
  9. manifestazione di disappunto da parte di minoranze informate ( eccomi )
  10. attenzione da parte dei legislatori allertati da tecnici (bis)
  11. dibattimento parlametare tra incompetenti ( e quelli competenti messi a tacere )
  12. abrogazione dei divieti e ri-liberalizzazione totale ( w l’Italia )


OrazioPirataDelloSpazio

PS ovviamente questa è la mia opinione personale eh!




Ninux partecipa all’Internet Governance Forum 2010

Friday, December 3rd, 2010

Martedì 30 novembre siamo stati invitati ufficialmente dalla Provincia di Roma a partecipare ad un iniziativa nell’ambito dell’Internet Governance Forum 2010:
Wi-fi esperienze pubbliche a confronto. Organizzato dalla Provincia di
Roma, Roma, Palazzo Valentini, Via IV Novembre

Il programma dell’evento era molto vasto, ma si è parlato anche di Wireless.

La giornata è iniziata, secondo programma, con il presidente della Provincia di Roma, Zingaretti, che ha firmato un protocollo d’intesa con regione Sardegna e comune di Venezia, per federare i loro database di utenti.

Quando i “big” sono usciti di scena, Francesco Loriga ha spiegato come è stata realizzata tecnicamente Provincia WiFi. Dobbiamo fare i complimenti alla provincia di Roma che ha fatto veramente un ottimo lavoro. Ha utilizzato software libero, lo ha migliorato, ed ha dato indietro alla comunità un prodotto migliore. Tutto il lavoro software svolto, completo di documentazione, è disponibile online con particolare attenzione alle licenze.

Per chiudere la giornata è stata organizzata una tavola rotonda, alla quale ho partecipato come rappresentante di Ninux.org. Ma vediamo chi c’era a questa tavola rotonda:

  • Fulvio Ananasso: Direttore Studi Ricerche e Formazione dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom)
  • Renato Brunetti: Consigliere delegato per il Wireless della Associazione Italiana Internet Provider (AIIP)
  • Francesco Loriga: Dirigente dei Sistemi Informativi, Reti e Innovazione Tecnologica (Sirit) della Provincia di Roma
  • Massimiliano Mazzarella, azienda Futur3
  • Stefano Quintarelli, informatico e imprenditore
  • Saverio Proto: Ninux.org

Cosa è venuto fuori? A parte l’ormai famosissimo Decreto Pisanu, tutti i protagonisti del wireless in Italia sono scontenti della regolamentazione. Providers, pubbliche amministrazioni, community, nessuno riesce a lavorare bene con la normativa esistente.

Noi come wireless community abbiamo cercato di portare la nostra visione di rete libera.  Cerchiamo un dialogo con gli ISP. Non vogliamo andare a invadere il mercato della ADSL proponendo una Internet gratis. Vogliamo essere in grado di comprare banda all’ingrosso in modo da poter usare quella banda all’interno delle nostre reti comunitarie.

Abbiamo portato alla tavola rotonda le esperienza delle community all’estero, come Guifi.net e Freifunk.net, dove la normativa non è così rigida ed ha permesso loro una forte espansione. Noi che abbiamo a che fare con leggi molto fumose e poco permissive, che ci costringono ad operare con il dubbio che quello che facciamo non sia legale, siamo rimasti indietro come al solito rispetto al resto dell’Europa.

Una nota dolente che ci ha colpito per tutta la durata dell’evento è stata la normalità e “scontatezza” utilizzata parlando di autenticazione ed identificazione degli utenti.

Addirittura è stato fatto un paragone tra l’hotspot WiFi di oggi e la cabina del telefono di una volta. Ebbene forse nessuno ha notato che negli anni 90 si poteva entrare in una cabina del telefono e pagare una telefonata con una moneta, senza per forza “autenticarsi”. Oggi sembra normale che ogni volta che usiamo il mezzo elettronico per comunicare, dobbiamo fornire tutti i nostri dati.

Telecom Italia, presente tra il pubblico, ha fatto una figura secondo noi un po’ meschina attaccando noi delle community e le pubbliche amministrazioni dicendo che andiamo a rubare nel loro mercato. Ci siamo veramente stupiti di questo intervento infervorato, anche perché noi abbiamo proposto una visione delle cose dove le community e gli ISP lavorano insieme migliorando il servizio al cliente finale, ed aumentando i profitti dell’ISP che vendendo banda all’ingrosso semplifica il suo business.

Alla fine siamo molto contenti di come è andata questa giornata. Il fatto che Ninux.org viene invitata ad una tavola rotonda di questo tipo, dimostra come le istituzioni sono attente e fanno bene il loro lavoro, cercando un contatto diretto con i cittadini che si occupano di WiFi nel sociale. Siamo riusciti a portare in un ambiente ufficiale le nostre visioni su un uso possibile del WiFi in Italia, e speriamo che questo incontro sia il primo passo verso una normativa che permetta a realtà come Ninux, ed a moltissime altre realtà nascoste in Italia, di uscire da questa situazione di illegalità. Un illegalità assurda che oggi ci frena, e ci fa stare sempre un passo indietro rispetto a gli altri paesi europei.

ZioPRoTo & Clauz

UPDATE: i video della conferenza si trovano su questa pagina. In particolare il nostro intervento si trova nel terzo video.